Buone feste e buone letture a tutti!

SPECIALE PROMOZIONE per il periodo di NATALE! 
Un’ottima occasione per iniziare a studiare la lingua italiana o per approfondirne la conoscenza durante questo prossimo periodo festivo: per il mese di dicembre SCONTO del 25% su tutti i sussidi che compongono il corso UN TUFFO nell’AZZURRO:
  • libro di testo 1 e 2, 
  • quaderno degli esercizi 1 e 2, 
  • cd 1 e 2 
  • chiavi degli esercizi dei libri di testo e dei quaderni                                                                                   

In particolare, le CHIAVI degli ESERCIZI di ogni volume del corso permettono un lavoro individuale di autovalutazione e correzione e contengono anche una breve guida per l’insegnante, la lista delle tracce del CD con le attività di produzione orale, la guida alle fotografie, una tabella di autoverifica finale per lo studente.

E per i bambini, l’offerta è valida anche sul libro in versione bilingue italiano – inglese IL MIO AMICO ROBIN,
con tavole di glossario per imparare il lessico di base (numeri, colori, animali, parti del corpo), giochi, ascolti e attività disponibili gratuitamente on line.

 

Per informazioni ed acquisti:
https://www.panozzoeditore.com/il-mio-amico-robin
https://giocaeimparaconrobin.wordpress.com/

Esperienze di tirocinio nell’ITALIANO LS – L2: Elena Cioce

Ecco una nuova testimonianza, ci arriva da Elena Cioce, laureata in Lingue e Culture per la Comunicazione Internazionale presso l’Università degli Studi della Tuscia (Viterbo).iic-colore-dublino

Elena ha svolto di recente un periodo di tirocinio presso l’Istituto Italiano di Cultura di Dublino – Irlanda.

  1. Qual è l’interesse verso la lingua e la cultura italiana nel tuo paese o nel paese dove vivi e lavori?

In Irlanda c’è un forte interesse per la lingua italiana e molti irlandesi, non solo residenti a Dublino, vanno all’Istituto Italiano di Cultura per seguire le lezioni, fare conversazione o solamente essere immersi in un ambiente italiano nel cuore di Dublino, magari leggendo un buon libro e bevendo un caffè!

dublino-san-patrizio

 

  1. Per quali motivi gli studenti sono interessati a studiare l’italiano?

I miti della “Bella Italia” e della Dolce Vita sono molto comuni e molti vengono nel nostro paese per godersi le vacanze estive ed un po’ di sole. Alcuni studenti sono motivati da ragioni personali (i figli si sono trasferiti in Italia; hanno nipoti italiani; amano la cultura italiana e vogliono apprendere il più possibile del nostro mondo), altri vogliono semplicemente riprendere una lingua studiata approssimativamente magari in gioventù.

  1. Quali sono le difficoltà maggiori che incontrano gli studenti durante lo studio?

L’italiano è una lingua piuttosto difficile: forse la difficoltà maggiore è data dall’avere pochi luoghi in cui praticare la lingua al di fuori dell’IIC (nonostante i molteplici eventi che l’Istituto organizza). Spesso tra gli studenti nascono buone amicizie ed alcuni di loro si incontrano anche fuori dell’orario delle lezioni per parlare in italiano tra loro e migliorare le loro capacità di fare conversazione.

Gli ostacoli maggiori sono le doppie ed i tempi verbali.

 

  1. Che cosa credi che manchi per una maggiore diffusione dello studio della lingua italiana?

Potrebbe essere utile un ampliamento dello studio dell’italiano nelle scuole (primarie e secondarie) ed un incremento dei prodotti italiani nel mercato irlandese così da potenziare il commercio tra i due paesi ed accrescere l’interesse per l’Italia.

Intervista a Tullio De Mauro

Il professor Tullio De Mauro, uno dei più importanti linguisti italiani, ha recentemente ricevuto la cittadinanza onoraria dal Comune di Santarcangelo di Romagna.tullio 2

Il Professor De Mauro ha diretto il Dipartimento di Scienze del Linguaggio nella Facoltà di Filosofia e successivamente il Dipartimento di Studi Filologici Linguistici e Letterari nella Facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università La Sapienza di Roma. Nel 1973 è stato tra i protagonisti del “Seminario popolare su Tonino Guerra e la poesia dialettale romagnola”.

Secondo il Professor De Mauro la lingua italiana, non sta così male. Messi male sono molti, troppi italiani che quella lingua parlano ormai correntemente, ma incontrano grandi difficoltà a comprendere un testo scritto o a risolvere un calcolo. Insomma, a orientarsi nel mondo d’oggi. È l’immagine di un paese a due facce: l’italiano è diventato ora la lingua di quasi tutti, senza che ciò abbia però provocato la morte dei dialetti. Se il 90 per cento di noi parla una lingua comune (ancora nel 1974 era appena il 25 per cento), una buona metà di questa massa, il 44,1, alterna abbondantemente l’italiano al dialetto. E ciò, sottolinea De Mauro, non è affatto negativo.tullio 3

Da poco è uscito il suo nuovo libro Storia linguistica dell’Italia repubblicana ( Laterza) che fin dal titolo aggiorna la Storia linguistica dell’Italia unita, pubblicato nel 1963, una storia linguistica e non storia della lingua.

Che cos’è una storia linguistica?
“È la storia di una comunità che può anche parlare diverse lingue. Tanto più di una comunità come quella italiana dove, a differenza di altri paesi, c’è un marcato multilinguismo. È la masse parlante di cui scrive Ferdinand de Saussure”.

Lei afferma che chi diagnosticava la morte dei dialetti ha dovuto ricredersi.
“Posso inondarla di cifre? Fino al 1974 la maggioranza degli italiani, il 51,3 per cento, parlava sempre in dialetto. Ora chi parla sempre in dialetto è sceso al 5,4. È vero che i toscani, i liguri e gli emiliano-romagnoli parlano solo in italiano fra l’80 e il 60 per cento e che i lucani, i campani e i calabresi vanno dal 27 al 20 per cento. Ma è vero anche che chi usa solo il dialetto in queste regioni del Sud non supera il 12-13 per cento”.

Lei sostiene che l’acquisizione dell’italiano comune sia stata favorita dalla mescolanza di tanti idiomi.
“Quante più lingue si confrontano tanto più cresce l’esigenza di una lingua comune. L’importante è che l’ambiente sia unitario. È un fenomeno verificabile fin dal Cinquecento a Roma, per esempio, dove affluiscono popolazioni da molte regioni dopo il sacco dei lanzichenecchi. La classe dirigente, cioè la curia, era pan-italiana”.

Le donne convergono verso l’italiano prima e più degli uomini.
“Questo accade sia nei contesti familiari, dove le donne rivolgendosi ai bambini prediligono l’italiano, sia fuori da quest’ambiente: lo attestano i dati sulla lettura o quelli sui rendimenti scolastici”.

E oltre al multilinguismo cos’è che ha diffuso l’italiano?
“Sono tanti i fattori: l’emigrazione interna, l’affluenza nelle grandi città, radio e televisione. Ma va sottolineato l’alto livello di scolarizzazione che ha portato al diploma secondario il 75 per cento dei ragazzi. Purtroppo questa richiesta di più alta formazione si è arrestata negli ultimi anni “.

In che senso?
“Il numero dei laureati in Italia resta basso rispetto alla media europea e ormai si diffonde la sfiduciata convinzione che una laurea serva a poco, perché molte imprese sembra non abbiano bisogno di alti livelli d’istruzione”.

E invece la scuola resta essenziale in questo processo.
“L’italiano ha un congegno più complicato dell’inglese o del francese, richiede un controllo che la scuola può offrire. Ancora oggi una consapevolezza piena la si acquisisce alle superiori, sperando che queste funzionino bene “.

tullio

Da http://www.repubblica.it/cultura

Italiano in corso

Panozzo Editore invita 

 gli insegnanti di italiano LS – L2 

a partecipare ad un nuovo progetto editoriale

Per creare nuovo materiale didattico, sempre aggiornato e funzionale, che si possa rivolgere ad una grande utenza di persone interessate a studiare la lingua italiana, è necessario un lavoro di squadra, l’apporto di tanti insegnanti e anche studenti, che con la loro esperienza contribuiscano a realizzare un progetto innovativo e dinamico.

Il nuovo corso di lingua e cultura italiana che stiamo preparando sarà diviso in 5 volumi, in base ai livelli di competenza del Quadro Comune Europeo di Riferimento per la conoscenza delle Lingue (A1 – A2 – B1 – B2 – C1 e C2), ognuno dei quali comprenderà:

  • libro dello studente
  • ascolti dei dialoghi e dei testi presenti nel libro
  • chiavi degli esercizi
  • guida per l’insegnante e altre attività supplementari disponibili on-line

Particolare attenzione sarà dedicata alla lingua parlata e alle attività mirate allo sviluppo delle abilità linguistiche; grande rilievo inoltre avranno le sezioni dedicate alla cultura italiana presentata in tutte le sue sfumature.

 

Ogni supporto didattico verrà costantemente aggiornato con l’apporto di tutti gli insegnanti e studenti che vorranno collaborare con le loro idee, critiche e suggerimenti.

Per maggiori informazioni potete contattarci al nostro indirizzo email:

e seguirci su questo sito che aggiorneremo durante lo svolgersi del lavoro.

Tutti i collaboratori che apporteranno il loro contributo al progetto verranno citati nell’opera e riceveranno copie omaggio dei volumi pubblicati.

 

Italiano: quarta lingua più studiata al mondo

In questi ultimi anni, l’interesse verso lo studio della lingua italiana nel mondo è cresciuto notevolmente: nel 2014 l’italiano è diventato la quarta lingua più studiata al mondo (dopo l’inglese, il francese e lo spagnolo), mentre nel 2012 si attestava tra le prime cinque.

Perché tante persone studiano l’italiano?

«Credo che la popolarità e la diffusione della nostra lingua, maggiore a volte degli idiomi di importanti potenze economiche, sia dovuto a più fattori – ha spiegato il professor Mirko Tavosanis, direttore di Icon (Italian Culture on the Net):

  • Il primo è certamente la cultura italiana. Non solo Dante, però, anche gli scrittori contemporanei. Piacciono in ugual modo narrativa, poetica, saggistica. 
  • Poi influisce molto la musicalità del parlare italiano e ovviamente la lirica nella quale trionfa. 
  • Anche il cibo, soprattutto negli ultimi anni, ha spinto tanti stranieri a studiare i nostri vocaboli, magari solo per leggere divine ricette». 

Secondo Tavosanis, l’amore per l’italiano deve essere una spinta per un notevole rinnovamento culturale.

da “Gli Stati Generali della lingua italiana nel mondo”, 

a cura del Ministero degli Affari Esteri, svoltisi lo scorso ottobre a Firenze