Buone feste e buone letture a tutti!

SPECIALE PROMOZIONE per il periodo di NATALE! 
Un’ottima occasione per iniziare a studiare la lingua italiana o per approfondirne la conoscenza durante questo prossimo periodo festivo: per il mese di dicembre SCONTO del 25% su tutti i sussidi che compongono il corso UN TUFFO nell’AZZURRO:
  • libro di testo 1 e 2, 
  • quaderno degli esercizi 1 e 2, 
  • cd 1 e 2 
  • chiavi degli esercizi dei libri di testo e dei quaderni                                                                                   

In particolare, le CHIAVI degli ESERCIZI di ogni volume del corso permettono un lavoro individuale di autovalutazione e correzione e contengono anche una breve guida per l’insegnante, la lista delle tracce del CD con le attività di produzione orale, la guida alle fotografie, una tabella di autoverifica finale per lo studente.

E per i bambini, l’offerta è valida anche sul libro in versione bilingue italiano – inglese IL MIO AMICO ROBIN,
con tavole di glossario per imparare il lessico di base (numeri, colori, animali, parti del corpo), giochi, ascolti e attività disponibili gratuitamente on line.

 

Per informazioni ed acquisti:
https://www.panozzoeditore.com/il-mio-amico-robin
https://giocaeimparaconrobin.wordpress.com/

Esperienze di insegnamento dell’italiano Ls – L2 da Napoli

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo con piacere questa testimonianza dello staff del Centro Italiano di Napoli diretto dal professor Gabriele Aprea.

staff

Grazie a tutti, buon lavoro e buono studio della lingua italiana ai vostri studenti!

Un Tuffo nell’Azzurro… di Napoli

12020058_10153560017430138_3176372858096584655_n

“Napoli, la città che stupisce, famosa  per i colori, i sapori, i panorami mozzafiato e i vicoli, proprio tra i vicoli del centro storico c’è il Centro Italiano , una scuola di italiano che dal 1982 accoglie studenti da tutte le parti del mondo praticamente ogni giorno.

Attachment-1

E ogni giorno chi arriva qui si innamora dell’azzurro del mare, del giallo del tufo, della storia e della lingua italiana anche grazie alla squadra del Centro Italiano che a parte insegnare la lingua fa vivere agli studenti una vera esperienza italiana e napoletana.

Perché la scuola li rende fin da subito partecipi dell’atmosfera festosa che caratterizza questa terra da sempre. E questa atmosfera la ruba un po’ alle strade per portarsela nelle sue aule. Quando gli studenti vanno via, trovano sempre il modo di portare con sé una parte dell’Italia e della città e soprattutto una scusa per ritornare al più presto perché ogni angolo è una scoperta.


È in questo contesto che Un Tuffo nell’Azzurro si inserisce perfettamente nella didattica grazie alla sua chiarezza e freschezza.

“Usiamo Un tuffo nell’Azzurro da anni, abbiamo utilizzato tutte le edizioni e ne abbiamo seguito le diverse evoluzioni e trasformazioni”- raccontano gli insegnanti napoletani-” anche nell’ultima versione il manuale risulta efficace per più profili di studente e piuttosto interessante dal punto di vista culturale. Gli esercizi e gli spunti contenuti ci danno un validissimo supporto nell’organizzazione delle lezioni, sono molto utili soprattutto nelle fasi di verifica e in quelle di rinforzo alla fine di ogni percorso e consentono un’agevole integrazione con le attività proposte in classe”.


DSC_0592
Il lavoro in classe è incentrato soprattutto sulla comunicazione e Un tuffo nell’Azzurro contribuisce a rendere l’esperienza di studio particolarmente allegra e piacevole. Sorridendo si impara meglio!

 

La testimonianza di Janka da Trnava

jankaRingraziamo Janka Rajcherová che ci manda la sua testimonianza da Trnava in Slovacchia, con i suoi commenti e le sue impressioni sul nostro materiale didattico.

 

“Sono un’ insegnante di italiano. Per professione e per passione. Ho cominciato a insegnare nel 2003, in case private e tante scuole di lingue. Oggi ho la mia piccola scuola di lingua italiana – ITALIAmente.

clipboard01

 

 

 

La gente in Slovacchia spesso mi chiede cosa faccio davvero nella vita. Dunque, ancora una volta dico che INSEGNO la lingua italiana. Con tanto entusiasmo e amore 🙂

Un’altra mia passione, nata e sviluppatasi durante gli studi, sono i libri. Li tocco, li annuso, li sfoglio e li leggo. Se un libro non mi dà soddisfazione, non lo finisco. Così come se un corso di lingua non riesce a soddisfare le esigenze di uno studente, questo smette di impegnarsi e di studiare.

Proprio per questo motivo è importante proporre agli studenti materiale valido, autentico, interessante e divertente.

copertina 1Dopo anni di insegnamento, in cui ho utilizzato libri di testo con cui né io né i miei studenti ci trovavamo bene (e di cui non voglio citare il nome) cercando sui siti per gli insegnanti, consultando i cataloghi delle case editrici, ho trovato all’improvviso lo specimen gratuito da scaricare di un libro di testo di cui non avevo mai sentito il nome. UN TUFFO NELL’AZZURRO. Mi è piaciuto da subito. Colorato, chiaro, ben strutturato. Ne ho comprato una copia per me. Dopo pochi mesi la scuola in cui insegnavo ha cominciato a distribuirne le prime copie in Slovacchia. Così è nata una collaborazione che non si limita solo alla vendita e all’acquisto dei libri.

janka 2

 

 

Il libro è veramente buono, anche se si può sempre migliorare. Sono molto orgogliosa di poter dare un mio piccolo contributo personale per renderlo ancora più interessante e stimolante. Dopo 7 anni di utilizzo, conosco bene i suoi punti di forza e di debolezza e quando Patrizia Bacci mi ha proposto di collaborare alla nuova edizione aggiornata ho accettato con piacere. Per me è un sogno e una grande sfida!”

Esperienze di insegnamento dell’italiano Ls – L2: Samanta da Rimini

Ecco una nuova testimonianza che ci ha scritto Samanta Mancini da Rimini.

RA 1

Dopo diverse esperienze, Samanta ora insegna a Rimini Academy  www.riminiacademy.it  , la scuola dove UN TUFFO nell’AZZURRO è nato!

RA 3

“Mi chiamo Samanta Mancini e dopo la laurea magistrale in Lingue e Letterature Straniere all’Università di Bologna ho conseguito il Master in didattica dell’italiano L2/LS “Insegnare italiano a stranieri: scuola, università, impresa” all’Università degli Studi di Urbino.

Ora insegno italiano L2 a Rimini, presso il centro di lingua e cultura italiana RIMINI ACADEMY, una scuola che accoglie studenti di ogni età e nazionalità dal 1994.

ra 33
ra 23

Ho conosciutoUn tuffo nell’azzurro proprio in questa scuola, dove il libro è nato ed è tuttora adottato come testo di riferimento.

Un tuffo nell’azzurro” è apprezzato sia da studenti adolescenti sia da studenti adulti, che amano in particolare le chiare schede grammaticali e i molti riferimenti culturali.

RA 4

RA 6

Il libro  è inoltre ricco di esercizi utili per fissare gli obiettivi linguistici e comunicativi. Credo che queste caratteristiche lo rendano un ottimo testo per classi  eterogenee dal punto di vista dell’età, della  provenienza e della motivazione degli studenti e che spesso hanno  a disposizione poco tempo per studiare l’italiano!

RA 2

RA 7

ra 22

Ricordando Fellini…

Il 31ottobre di 24 anni fa moriva a Roma Federico Fellini, a soli 73 anni.

fellini 8

In questi giorni Rimini, sua città natale, lo ricorda con tanti eventi.

Le note di una cornamusa hanno sancito l’inizio delle celebrazioni presso il cimitero monumentale, dove il regista è sepolto insieme all’inseparabile Giuletta Masina, compagna nella vita e nel lavoro, ed al figlio, morto prematuramente.

fellini 5

Presenti anche la nipote Francesca e il sindaco di Rimini Andrea Gnassi. La nipote lo ha ricordato così: “Oggi è un anniversario per un uomo diventato patrimonio dell’umanità”.

 

Si respira davvero tanto di Fellini nella città di Rimini e nelle sue strade, come le vie di Marina Centro che oggi portano il nome dei suoi film. Inoltre tra pochi giorni sempre a Rimini, sarà inaugurato il Cinema Fulgor, la vecchia sala immortalata in Amarcord , con una nuova  struttura che sicuramente rappresenterà un altro grande omaggio al geniale regista.

Federico Fellini

Il regista che in tutto il mondo è considerato il ‘maestro’ del cinema italiano nacque a Rimini nel 1920.

fellini 7

Dopo aver vissuto i primi anni della sua gioventù nella cittadina della provincia romagnola, partì per la grande avventura a Roma, ed in particolare a Cinecittà, dove lo aspettavano alcuni anni di gavetta e poi una gloria difficile e sofferta, ma sicuramente anche folgorante.

A Fellini dobbiamo alcuni dei capolavori del nostro cinema, molto famosi anche all’estero e rimasti immortali non solo per aver vinto premi e riconoscimenti internazionali (fra tutti, 4 premi Oscar al miglior film straniero più uno alla carriera nel 1993) ma anche per aver introdotto alcune espressioni e modi di dire che sono entrati a far parte del linguaggio di tutti i giorni.

fellini 2Federico-Fellini-Marcello-Mastroianni-Sophia-Loren

Chi infatti non ha mai sentito parlare della ‘Dolce Vita’ o non conosce il termine ‘paparazzo ‘ per indicare il fotografo delle star del cinema?

O ancora l’espressione in dialetto romagnolo ‘Amarcord, che significa ‘mi ricordo’ e che è il titolo del film, sicuramente fra i più belli, in cui il regista romagnolo racconta la sua infanzia a Rimini.

fellini 3

O quella dei ‘Vitelloni’ (altro titolo di un film), per indicare i giovani mammoni, che ormai adulti nel corpo rimangono come bambini nello spirito, senza voglia di lavorare e di avere responsabilità.

Federico Fellini è morto a Roma il 31 ottobre 1993, dopo aver avuto un malore mentre era in vacanza nella sua città natale; poco tempo dopo lo ha seguito anche la moglie Giulietta Masina, sua compagna di vita indimenticata interprete dei suoi film, come ‘La strada’, in cui, con il personaggio di Gelsomina, ha commosso tutto il mondo.

fellini 4